Per non più evocare l’alba ma realizzarne il senso

Umane parole, pensieri.
Difficile, è così difficile anteporre ad esse
l’opera che magnifica l’uomo,
non solo dinanzi alla natura superiore dell’essere,
per collocare a oltranza il ministero, la vita,
opponendo alla eventuale metamorfosi
che riabilita qualsiasi forma di evoluzione
il mistero, non sempre pacifico, che la nobilita,
per non più evocare l’alba ma realizzarne il senso,
quella introiezione collettiva che sorprende,
tra il fare dei fenomeni, l’archetipico sorriso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Nella esecuzione sprovveduta del censurato non essere

Troppa modernità. L’allegria non è più un vezzo degli uomini sempre più sorpresi dalle pochezze dei loro simili, i se…

In concentrati di gradualità eteree

Dei sistemi agglomerati e massimi lo sfinimento. Non basterà più l’aggiunta di valori affini all’estremismo quantico nelle dinamiche dei moti…

In fraudolente pause d’insonnia

In fraudolente pause d’insonnia la vita e la morte proseguono i loro disanimati comizi entrambe imputate ad indagare su chi,…

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi, le ombre dal precipizio immoto completano il rigurgito del mattino. Stelle, astri senza…