Per la flessione dei suoi primi e univoci elementi

Difficile, è così difficile
non esprimere a parole ciò
che l’amore, il più vivo
sentimento, può e prova.
Eppure è così, una condizione
quasi orfana di contatto
naturale, il più semplice che
l’uomo possa attuare
per la flessione dei suoi
primi e univoci elementi.
Quanto a me, non
lascerò che la condizione
misera nella quale giace
il corpo, per la sua caducità,
in questa valle infangata,
riproduca forme di
assenteismo verbale,
di antagonismo arbitrario
dettate dalla legge e da
tutto ciò che n’è al di sotto.
Destati anima, orsù, da questa
piena di sonno profondo
indotta da chi al silenzio suo,
per interessi loschi e meschini,
vorrebbe integrare il tuo,
cosicché dalle voragini del giorno
possa tu elevarti, vergine e amata,
col tuo sposo diletto, di spirito in spirito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Perfino i cieli tremano

Vorremmo affermare forse l’inascoltato, indi porgerlo presso l’inaudito e revocarne, infine, la sua giustizia sempre più pretesa dai clamori dei…

Il tacere, a nome dei tanti

Il tacere, a nome dei tanti. Poiché non destammo le mattutine stelle dalla matrice dell’alba, quale sogno credibile al sogno,…

In diramazioni coercitive di spiacevoli masse

Non una realtà inconsapevole né multiformi dimensioni distratte ebbero piacere nell’abitarvi, uomini. E se ad offuscarsi come smorte candele furono…

Tu spargi fiori abbrividendo mondi

E nei tuoi occhi ci scavalca così - premurosa, meglio forse non pensarla - l’idea dei nostri anni, che lungo…