Paradosso dei paradossi

Paradosso dei paradossi: la sottrazione della contraddizione.

Siate miti, docili, porgete l’altra guancia e sarete benedetti.
Tuttavia non a tutti aprirò la Porta.
In verità solo chi le farà violenza sarà davvero beato.

Come il lupo preda per fame, così la pecora verso il suo Pastore. E sarà beata.

L’uomo scaltro che nelle tenebre, per illuminare la Via, ruba una lampada sarà santo.

Se le vergini possiederanno le lucerne e saranno tutte dotate d’olio lo Sposo non tarderà a farle visita. Io vi dico, però, che coloro le quali diverranno olio per illuminare con la lucerna le proprie colpe lo Sposo, prima di visitare le vergini, passerà da quelle coprendole nel suo manto dall’amore universale.

Beata quella donna che per trovare la moneta persa lascia tutto e, una volta trovatala, fa festa con le altre donne. Se però di là in mezzo vi fosse un’altra donna che lascia quelle, per cercare quello che non era stato perso ed è stato abbandonato, nessuna dovrà lamentarsene. Ella avrà rubato a tutte, per giusta causa, il Tesoro vero.

Buona cosa è il sale. Altrettanto il lievito. Eppure il mare è tanto vasto quanto le brutture di alcuni preti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

In diramazioni coercitive di spiacevoli masse

Non una realtà inconsapevole né multiformi dimensioni distratte ebbero piacere nell’abitarvi, uomini. E se ad offuscarsi come smorte candele furono…

Tu spargi fiori abbrividendo mondi

E nei tuoi occhi ci scavalca così - premurosa, meglio forse non pensarla - l’idea dei nostri anni, che lungo…

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…