Numerologia del vanto

È la conta, quel ritmo sfavorevole scandito dall’irriducibile labbro traviato dalla numerologia del vanto e dall’imbroglio di ogni scienza, ciò che sempre destabilizzerà il vivente, bersaglio umano per antonomasia, essere lugubre da stagno trasformato in malvagio suppellettile da buttar via ad ogni viaggio.
Piuttosto che sanificare l’anima, per pochi centesimi si tende ad idealizzare il processo graduale d’infestazione globale affinché si realizzi quell’ignominia definitiva e immersa che renda omaggio a chi ha occhi e non vede, a chi ha orecchi e non sente, grazie all’uomo che saltella un po’ di qua e un po’ di là.
Chi ha la bocca immobile parli ora oppure taccia per sempre.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Nella esecuzione sprovveduta del censurato non essere

Troppa modernità. L’allegria non è più un vezzo degli uomini sempre più sorpresi dalle pochezze dei loro simili, i se…

In concentrati di gradualità eteree

Dei sistemi agglomerati e massimi lo sfinimento. Non basterà più l’aggiunta di valori affini all’estremismo quantico nelle dinamiche dei moti…

In fraudolente pause d’insonnia

In fraudolente pause d’insonnia la vita e la morte proseguono i loro disanimati comizi entrambe imputate ad indagare su chi,…

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi, le ombre dal precipizio immoto completano il rigurgito del mattino. Stelle, astri senza…