Non smussare, dove mano posa ebbra, il vecchio legno

Non smussare, dove mano posa ebbra, il vecchio legno.
Che sia un cuore a placarsi, nel necessario che più conviene, sino allo spossamento dei nervi, alla fluidità scomposta del sangue, all’arresto indefinito di ciò che a cosmo ti pervade. Stenta, stenta pure respiro e fiamma. Ecco che a prevenirti con febbrile danza di voci non è più lontananza, separazione intatta o sua diletta distanza, bensì armoniosa completezza in ricongiungimenti di bocche tra bocche, esseri che svellano le tue città interiori mentre con occhio d’anima ne sei presagio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…

Nell’urna spalancata dai cieli dei miei fenomeni

Vivo sepolto nel sorriso degli angeli e, a convissuto etere, la mia provvisorietà si eleva in te, regno che tutto…

Al silenzio coniugato

Fervo. Di quest’ora immota è l’infinità che brilla sul pentagramma dell’uomo al silenzio coniugato.