Nessuno escluso

Siamo noi.
Nel buio delle prigioni più dure,
negli ospedali dai menomati momenti,
nella mano ferita dall’elemosina mancata,
nel grido sempre più stanco e oppresso,
nel dolore di chi sa che nutrirsi è dolore,
nella verità lasciata marcire contro vento,
nell’epidemia dei valori macerati,
nei colori del nostro petto vilipeso,
nelle giornate dal sole che non trova riparo,
nel pianto dell’orfano inconsapevole,
nelle lacrime nascoste della vedova,
nella disperazione di chi vive la guerra.
Siamo noi.
Nessuno escluso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

In diramazioni coercitive di spiacevoli masse

Non una realtà inconsapevole né multiformi dimensioni distratte ebbero piacere nell’abitarvi, uomini. E se ad offuscarsi come smorte candele furono…

Tu spargi fiori abbrividendo mondi

E nei tuoi occhi ci scavalca così - premurosa, meglio forse non pensarla - l’idea dei nostri anni, che lungo…

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…