Nemmeno il tempo di morire

Nemmeno il tempo di morire.
In quest’estesa considerazione, che si allontana da qualsiasi forma di lamento, si deve prendere atto che la prigionia dei corpi ha, per l’ennesima volta, avuto la meglio. Bambina mia, venduta al cosiddetto miglior offerente dal padre padrone che ti ha voluta indegnamente su questa terra, il tuo urlo smorzato nella gola del secolo non pochi l’hanno vissuto, non pochi. E se l’anarchia del danaro, della specie superiore, specula ovunque, perfino sulle forme umane più innocenti ed aggraziate, io alzo la mia lingua e coi tessuti labiali ancora vita canto contro tutti questi mercanti di generazioni che fingono pace e suscitano guerra nel nome di una ideologia fittizia, in nome di un onore fallito dai secoli dei secoli. Chissà se tanto dolore, un giorno poco distante, troverà il modo di marcire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Nella esecuzione sprovveduta del censurato non essere

Troppa modernità. L’allegria non è più un vezzo degli uomini sempre più sorpresi dalle pochezze dei loro simili, i se…

In concentrati di gradualità eteree

Dei sistemi agglomerati e massimi lo sfinimento. Non basterà più l’aggiunta di valori affini all’estremismo quantico nelle dinamiche dei moti…

In fraudolente pause d’insonnia

In fraudolente pause d’insonnia la vita e la morte proseguono i loro disanimati comizi entrambe imputate ad indagare su chi,…

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi, le ombre dal precipizio immoto completano il rigurgito del mattino. Stelle, astri senza…