Nella verità della monade

Quante volte ho visto schiudersi il trionfo della parola nel diaframma del giorno penetrato da ciò che l’uomo intende, per natura, come suono dal rivolo dell’atmosfera scagliarsi sulla terra per dimensionarsi all’immagine che si antepone all’essere. È così che la concezione del verbo si memorizza nella carne più materna come profondità dell’assieme da sempre procrastinato al vivere, quell’azzurro e immacolato mare popolato dal petto a due volti nella verità della monade.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Pietre bruciavano gli orizzonti dei miei occhi

(La conversione di San Paolo Apostolo) Pietre bruciavano gli orizzonti dei miei occhi. Io, che di fondamentale nutrivo il mio…

Nulla è più temibile del paese

Nulla è più temibile del paese che non doma le proprie città, introdotte nel sonno artificiale scomposto per la tormenta…

A sfavore dell’ipnagogico indotto

Del nulla, l’idea graffiata con ardore selvaggio dal pensiero, sottomesso all’asfissia gravitazionale conseguita da una qualche logica dell’intuito e del…

Declina, la notte, nella culla dei tuoi pensieri

Declina, la notte, nella culla dei tuoi pensieri, quando l’impensabile si colma per l’adulta nascita e, abbandonato al suo stesso…