Nella dualità macrocosmica della resistenza

Di questo buio che pare assisterci non v’è alcuno spazio né tenebra fredda. Un vuoto per se illogico che quasi disdegna il punto silente. E questa estate, appena sorta nelle nostre vene piatte, possiede quel fiotto neutrale, dal sapore d’infinito, che di noi mai dubiterà contro la savia logica che colloca l’uomo d’oggi in su, verso quell’espansa cellula che nidifica l’inesattezza dell’intelletto nella dualità macrocosmica della resistenza, lambita, tra le realtà correnti, da probe immensità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

In diramazioni coercitive di spiacevoli masse

Non una realtà inconsapevole né multiformi dimensioni distratte ebbero piacere nell’abitarvi, uomini. E se ad offuscarsi come smorte candele furono…

Tu spargi fiori abbrividendo mondi

E nei tuoi occhi ci scavalca così - premurosa, meglio forse non pensarla - l’idea dei nostri anni, che lungo…

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…