Nel cluster dell’io sono

Reminiscenze. L’atemporale che lascia libero il suo seno per allattare ogni moto del pensiero in essere, con le informazioni non solo nocive che arrecano l’ossigeno del male o del sentimento al cervello, organo dai tasti sensibili e dalla coda che sfida quasi sempre l’integrità dell’armonia. E questo fare altrui nel proprio dire o questo dire altrui nel proprio fare, che sfocia nel mancato riconoscimento della persona la quale senz’alcuna evenienza dovrebbe concatenarsi alla genealogia umana, arreca, ciononostante, con la fibra intellettiva della consapevolezza, delle diversità di compartecipazione a luogo nei densi comparti nebbiosi dell’esistenza ove, per altere volontà non ben definibili, crashano nel cluster dell’io sono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…

Nell’urna spalancata dai cieli dei miei fenomeni

Vivo sepolto nel sorriso degli angeli e, a convissuto etere, la mia provvisorietà si eleva in te, regno che tutto…

Al silenzio coniugato

Fervo. Di quest’ora immota è l’infinità che brilla sul pentagramma dell’uomo al silenzio coniugato.