Mi raggiunse la tua età così privata

Mi raggiunse la tua età
così privata, fulgore di rose marine,
da lasciarmi attonito e sguarnito
al controllo dei miei globi
e delle mie precoci atmosfere.
Intima, senz’alcun attributo d’aggiungere,
ti mescolasti alla mia sostanza corrotta
partecipando col diadema dell’anima
a più ampie chiarità del mio nuovo volto
e lasciandomi saggiare l’elevazione del puro,
dell’ignoto.
E venne a noi la sospensione dell’immoto,
l’inconosciuto tempo che del tempo ne è patria,
solennità e grembo,
per adempierci alle fatalità della quiete
nella consapevolezza estrema
di una rigenerata collisione tra pensiero e memoria,
atto non prescindibile dall’archetipica unione
che cavalcando se stessa ci rese partecipi e complici
del ravvivarsi escatologico a folgore della parola,
sotto una dottrina non umana
che il nostro giogo sollecitò
nel fecondo imperversare dell’inconsueto e dell’imperituro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Perfino i cieli tremano

Vorremmo affermare forse l’inascoltato, indi porgerlo presso l’inaudito e revocarne, infine, la sua giustizia sempre più pretesa dai clamori dei…

Il tacere, a nome dei tanti

Il tacere, a nome dei tanti. Poiché non destammo le mattutine stelle dalla matrice dell’alba, quale sogno credibile al sogno,…

In diramazioni coercitive di spiacevoli masse

Non una realtà inconsapevole né multiformi dimensioni distratte ebbero piacere nell’abitarvi, uomini. E se ad offuscarsi come smorte candele furono…

Tu spargi fiori abbrividendo mondi

E nei tuoi occhi ci scavalca così - premurosa, meglio forse non pensarla - l’idea dei nostri anni, che lungo…