L’indole soporifera di tutta l’incompiuta scienza

Manifesto è il serrato labbro, smorto sotto la neve.
Dimentico del male sopportato, del sopruso eletto,
avanza con passo di capriolo il fervore dell’anima.
Chi avrebbe dovuto fasciare la luce sul suo volto,
intonare un lamento per i suoi macchiati anni,
resta nella propria feritoia, al marciume relegato,
conteso dalle viscere della miseria scontentata
e da un’avara terra che non smuove un’ombra
ma ne dilata i margini affinché pure il dolore,
creatura divenuta letargica e senziente
affini, mai succube nella dimensione meno morale,
l’indole soporifera di tutta l’incompiuta scienza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Perfino i cieli tremano

Vorremmo affermare forse l’inascoltato, indi porgerlo presso l’inaudito e revocarne, infine, la sua giustizia sempre più pretesa dai clamori dei…

Il tacere, a nome dei tanti

Il tacere, a nome dei tanti. Poiché non destammo le mattutine stelle dalla matrice dell’alba, quale sogno credibile al sogno,…

In diramazioni coercitive di spiacevoli masse

Non una realtà inconsapevole né multiformi dimensioni distratte ebbero piacere nell’abitarvi, uomini. E se ad offuscarsi come smorte candele furono…

Tu spargi fiori abbrividendo mondi

E nei tuoi occhi ci scavalca così - premurosa, meglio forse non pensarla - l’idea dei nostri anni, che lungo…