Li insegnò a pregare

Li insegnò a pregare, facendolo con amore filiale, nonostante era il Padre. E ridusse se stesso a parola, se ne incarnò prima di rendere la sua carne ed il suo sangue a tutti nel calice abbondante dell’Alleanza. Quale segno più grande compì nel ricondurre a sé, dunque, e il principio e la fine. Egli, che era la Luce venuta nel mondo per gli uomini, volle dimorare tra le tenebre dei suoi che non lo accolsero. E le tenebre non lo vinsero. Per dare testimonianza alla Luce ci fu un precursore, voce di uno che grida nel deserto, Giovanni, che portò a compimento la legge nei profeti. Non conosceva l’Uomo ma riconobbe, nel Padre, lo Spirito e preparò la via del Signore. E lì, presso il fiume Giordano, l’acqua si cambiò in spirito. Grazia che si è rivelata a noi odierna e adorata in quel tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Perfino i cieli tremano

Vorremmo affermare forse l’inascoltato, indi porgerlo presso l’inaudito e revocarne, infine, la sua giustizia sempre più pretesa dai clamori dei…

Il tacere, a nome dei tanti

Il tacere, a nome dei tanti. Poiché non destammo le mattutine stelle dalla matrice dell’alba, quale sogno credibile al sogno,…

In diramazioni coercitive di spiacevoli masse

Non una realtà inconsapevole né multiformi dimensioni distratte ebbero piacere nell’abitarvi, uomini. E se ad offuscarsi come smorte candele furono…

Tu spargi fiori abbrividendo mondi

E nei tuoi occhi ci scavalca così - premurosa, meglio forse non pensarla - l’idea dei nostri anni, che lungo…