Li insegnò a pregare

Li insegnò a pregare, facendolo con amore filiale, nonostante era il Padre. E ridusse se stesso a parola, se ne incarnò prima di rendere la sua carne ed il suo sangue a tutti nel calice abbondante dell’Alleanza. Quale segno più grande compì nel ricondurre a sé, dunque, e il principio e la fine. Egli, che era la Luce venuta nel mondo per gli uomini, volle dimorare tra le tenebre dei suoi che non lo accolsero. E le tenebre non lo vinsero. Per dare testimonianza alla Luce ci fu un precursore, voce di uno che grida nel deserto, Giovanni, che portò a compimento la legge nei profeti. Non conosceva l’Uomo ma riconobbe, nel Padre, lo Spirito e preparò la via del Signore. E lì, presso il fiume Giordano, l’acqua si cambiò in spirito. Grazia che si è rivelata a noi odierna e adorata in quel tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Quei nostri baci che le potenze tutte acclamano

No. Non saranno intarsiate fandonie a logorare la bellezza che come acqua viva dal tuo petto sgorga. Non avrà diritto…

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce. In balìa della stagione, il vento suo, è la tempesta in fasce…

L’infanzia, talvolta

L’infanzia, talvolta, prevede un solo istante: essere.

Eccezione

Povero quell’uomo che possiede la violenza negli occhi e che la subisce. Io vi dico che ha già ricevuto la…