, lasciando spazio dell’inalberato vuoto alla presenza

, lasciando dell’inalberato vuoto spazio alla presenza. A proiettato passaggio così come dai quattro punti soffierà il di qui e il di là io effonderò nel di qui e nel di là con mite voce la mia frapposta coesistenza su sponde di vorticosi folgori. E non sai, non sai nemmeno tu quanto questo calice che avanza fibrilli nel mio petto come un’onda perfetta, smossa soltanto dalla violenza devastante dell’amore, lo stesso che hai amato, e lo stesso che adoperasti con quell’affilata lingua nel fuoco, gioco che si sfa tra anima e carne in sembianza di uomo e, per annullare l’infamia che principia nel mondo, di bestia.
, lasciando spazio dell’inalberato vuoto alla presenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Nella esecuzione sprovveduta del censurato non essere

Troppa modernità. L’allegria non è più un vezzo degli uomini sempre più sorpresi dalle pochezze dei loro simili, i se…

In concentrati di gradualità eteree

Dei sistemi agglomerati e massimi lo sfinimento. Non basterà più l’aggiunta di valori affini all’estremismo quantico nelle dinamiche dei moti…

In fraudolente pause d’insonnia

In fraudolente pause d’insonnia la vita e la morte proseguono i loro disanimati comizi entrambe imputate ad indagare su chi,…

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi, le ombre dal precipizio immoto completano il rigurgito del mattino. Stelle, astri senza…