L’ariete e le mimose

M’intristisce, di questa
stagione ormai consunta,
l’odore freddo, deposto,
delle sue cellule smorte.
L’avidità del suo ansimare
nei meandri architettonici
di troppi obesi giorni
l’umana pietà non raggiunge,
e ciò è forse da intendere
come il dramma più alto
che l’incarnato lamento coinvolge.
Questa mattina,
estraneo al mio frastuono
e alla mutevolezza,
troppo spesso intesa
come abbaglio delle cose vecchie,
ho veduto crescere vittorioso
su di un albero di magnolie
un ramo smosso all’esistenza
da occhi pieni di stupore
che s’irrigavano di presente,
di snudato amore.
O mimose, quale sacrificio
più degno di un ariete
saprete portare a compimento
per chi, nel secco legno,
si è immolato di futuro per l’oggi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Nella esecuzione sprovveduta del censurato non essere

Troppa modernità. L’allegria non è più un vezzo degli uomini sempre più sorpresi dalle pochezze dei loro simili, i se…

In concentrati di gradualità eteree

Dei sistemi agglomerati e massimi lo sfinimento. Non basterà più l’aggiunta di valori affini all’estremismo quantico nelle dinamiche dei moti…

In fraudolente pause d’insonnia

In fraudolente pause d’insonnia la vita e la morte proseguono i loro disanimati comizi entrambe imputate ad indagare su chi,…

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi, le ombre dal precipizio immoto completano il rigurgito del mattino. Stelle, astri senza…