La pietra che non lacera le ossa

L’acqua livida
che in mano stenti
l’alba nasconde, ormai
smorta nel suo illimitato
raccolto che non vuole
pertanto conquistare,
e non riesce il mitigare
della insipida terra.

Bambino mio,
il lacrimare del pane
che rimugini adesso
non stenterà tra mani,
sudati palmi che fissi,
tra le arcane chiome,
allieteranno la pietra
che non lacera le ossa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce. In balìa della stagione, il vento suo, è la tempesta in fasce…

L’infanzia, talvolta

L’infanzia, talvolta, prevede un solo istante: essere.

Eccezione

Povero quell’uomo che possiede la violenza negli occhi e che la subisce. Io vi dico che ha già ricevuto la…

Gioia. Quale e quanta quando avanzasti nell’anima mia

Gioia. Quale e quanta quando avanzasti nell’anima mia, finanche nella mia carne, senza crear scompenso invano. Già, io che da…