La corda sottile che rattiene i piedi al mondo

Oh! L’ellisse dolorosa dei vostri gemiti, nell’illusorio spazio dei desideri mai trascorsi, sono pari ad un futuro sconosciuto e già limato dai femminili lamenti contesi dal buio. Lasciate che il tempo suturi quelle sostanze che del sonno hanno catturato il movimento e sia finalmente il piacere a domare la progressione dell’appiattito vuoto, stremato dai variegati vaneggiamenti delle strutture umane che s’interpongono alle fatiche dalle infrastrutture mai disarmonizzate e simbiotiche. Abbia a desistere la corda sottile che rattiene i piedi al mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…

Nell’urna spalancata dai cieli dei miei fenomeni

Vivo sepolto nel sorriso degli angeli e, a convissuto etere, la mia provvisorietà si eleva in te, regno che tutto…

Al silenzio coniugato

Fervo. Di quest’ora immota è l’infinità che brilla sul pentagramma dell’uomo al silenzio coniugato.