Io vi accuso nel nome della morte

Sapete, alle prese con le carneficine
il mondo appare più lieve, più fragile
e infinitamente piccolo.
E quando i razzi, i missili, le bombe,
divaricano i loro raggi d’azione
su inermi esseri umani –
creature che d’un tratto perdono
ciò che nella realtà non hanno mai avuto,
e cioè il diritto, già,
il diritto di vivere in vita la propria vita –
vengono meno, a pieno regime,
le fondamenta dell’intero globo,
questo sistema depredato dalla sua stessa moneta
e ripagato dalla sua quotidiana storia.
Io sono stato più volte ucciso.
Sì. Io sono stato morto. Ma non posso,
non merito nemmeno quella pace in fondo
poiché in quel fondo, in tanto marciume,
vedo anche i vostri figli, i vostri nonni,
le vostre madri, piangere senza più rassegnazione,
disperatamente soli. Esattamente come voi.
Disintegrate subito le vostre bestemmie belliche
che calunniano l’altrui e innocente sangue
il quale dalla bocca dei bimbi ancora v’implora,
come se la schiavitù del terrore appartenesse puranche a voi,
mercanti di morte ed assassini
che in tutte queste maledettissime carneficine
avete reso il nostro mondo sporco, infedele, bastardo.
E impietosamente inutile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

In diramazioni coercitive di spiacevoli masse

Non una realtà inconsapevole né multiformi dimensioni distratte ebbero piacere nell’abitarvi, uomini. E se ad offuscarsi come smorte candele furono…

Tu spargi fiori abbrividendo mondi

E nei tuoi occhi ci scavalca così - premurosa, meglio forse non pensarla - l’idea dei nostri anni, che lungo…

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…