Infusa nell’inquieto candore del vivere

La metafora,
questo proiettore di verità in taluni casi,
escluse le fandonie costrette al macello,
libera il tormento dalla erratica parola
che costringe le tempie al moto di forza,
questo ventre che riempie di caos
il coro dei cipressi, talaltre, coi polmoni
che vomitano nebbia in comparti
sul ritmo delle combattenti lacrime
abbacinate alla meravigliosa stella,
questa espressione resistente
infusa nell’inquieto candore del vivere,
la metafora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Come il sorriso di Colei che sfocia nell’Eterno

La tua mano incede nella mia, su di me si posa con il suo vigore, la sua forza, la sua…

Le nozze di pane

Orsù imbandite i tavoli, ornateli con i fiori più pregiati e chiamate i musici affinché nulla manchi alla mia festa.…

Le tre porte, i tre regni e le tre stagioni

Il silenzio, questa lesione soave, antropomorfica, e che purtroppo tutti sdegnano, sconsacrano, ripudiano, neanche fossero la ideazione del tacito dentro.…

A cosa servono le teorie, le realtà prossime o immediate

A cosa servono le teorie, le realtà prossime o immediate, se questa nostra scienza, impaziente di domare le complessità delle…