Infine nuvole

Infine nuvole,
null’altro che ammassi densi di pensieri appartenenti a chissà quali entità la cui proiezione principia nella mente umana. Sorridiamo. In fondo le carneficine sono la metafora della realtà, similitudini che affondano il vero nelle piaghe sociali dello spiacevole, orrido esistere. Pioverà. Sì amore mio, non lasciamo al calore dei nostri nomi e dei nostri anni il passo doppiato della nostalgia dell’estremo vivere. Non consolerà, questa farsa blasfema, forse, le vittime della più buia violenza? Corri, sulle mie spalle v’è il nido preparato dalla bellezza, e abbandonati al vento che mai, mai tornerà dietro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce. In balìa della stagione, il vento suo, è la tempesta in fasce…

L’infanzia, talvolta

L’infanzia, talvolta, prevede un solo istante: essere.

Eccezione

Povero quell’uomo che possiede la violenza negli occhi e che la subisce. Io vi dico che ha già ricevuto la…

Gioia. Quale e quanta quando avanzasti nell’anima mia

Gioia. Quale e quanta quando avanzasti nell’anima mia, finanche nella mia carne, senza crear scompenso invano. Già, io che da…