In timida azione

Grandezza, quale mutevole
forza m’empie il cuore,
mentre spoglio dei miei affanni
ritrovo le mie braccia strette,
quasi costrette, sopra i fianchi
intorpiditi e fiacchi…
Eppure non un bacio volli dal creato,
né alcun ambizione.
Dall’armonia delle forme, che i flussi
dei silenzi serrano ai sensi,
alla barriera che funge da schermaglia
per la speranza che, flessa, geme
nell’immersione delle ore, quanto più
il cervello s’astringe, colando mente
al di là, per il pensiero che duole.
Se fosse una questione di tatto, bè,
potremmo gustare ogni amara zolletta
nel prototipo che fa dell’immenso
l’archetipo di ciò che, in tradotta idea,
non definiamo, umani, tra ragioni ed
intelletto, come l’aritmia dei lumi,
fondamento e architettura
del sorriso principiante
devoluto al precipizio della materia
in sua ineffabile natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Per originare la domenica

Oh, follia degli eventi! Pochezza di ogni perduto istante. Sono giorni, questi, dove perfino il vetro suole respirare l’inzolfata aria…

Nell’irripetibile desiderio di esistere

Bisogna che tutto abbia un termine nell’irripetibile desiderio di esistere. Soltanto chi comprende l’esatta misura del soffio vitale viene attratto…

Per tanto amore incarnato

«Riverserò sopra la casa di Davide e sopra gli abitanti di Gerusalemme uno spirito di grazia e di consolazione: guarderanno…

Quanto più la gloria è matrigna degli uomini

Guarda: centinaia, migliaia di corpi che si muovono al suono del progresso, al tempo del corno. Alito smorto di un…