In timida azione

Grandezza, quale mutevole
forza m’empie il cuore,
mentre spoglio dei miei affanni
ritrovo le mie braccia strette,
quasi costrette, sopra i fianchi
intorpiditi e fiacchi…
Eppure non un bacio volli dal creato,
né alcun ambizione.
Dall’armonia delle forme, che i flussi
dei silenzi serrano ai sensi,
alla barriera che funge da schermaglia
per la speranza che, flessa, geme
nell’immersione delle ore, quanto più
il cervello s’astringe, colando mente
al di là, per il pensiero che duole.
Se fosse una questione di tatto, bè,
potremmo gustare ogni amara zolletta
nel prototipo che fa dell’immenso
l’archetipo di ciò che, in tradotta idea,
non definiamo, umani, tra ragioni ed
intelletto, come l’aritmia dei lumi,
fondamento e architettura
del sorriso principiante
devoluto al precipizio della materia
in sua ineffabile natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Rivelata

Accadrà che nella compiaciuta estensione dei tempi, sul monte più elevato, si correggerà la deviazione bilaterale del cosmo e, di…

Ho una buona notizia da darvi

Detesta l’odio e fai il bene, non disprezzare il misero e soccorri l’orfano, ama la giustizia e fuggi la codardia,…

Come il sorriso di Colei che sfocia nell’Eterno

La tua mano incede nella mia, su di me si posa con il suo vigore, la sua forza, la sua…

Le nozze di pane

Orsù imbandite i tavoli, ornateli con i fiori più pregiati e chiamate i musici affinché nulla manchi alla mia festa.…