In questo petto che alloro spiovve tra parole da disarmo

Nulla e perché si confusero tra le mie labbra
quando lingue di fuoco spalancarono l’anima mia
in vocalità insonorizzate per l’amplesso dell’intelletto,
o coscienza che inerme soggiacesti nuda
nel controesodo delle sprecate opere, nei sproloquiati gesti.

E gli assalti della conoscenza si risolsero nel mio vien vieni
quando a sera i lumi s’inceneriscono di vita, di miele,
nel perdurare delle incolte tenebre, queste ataviche sorelle
dalla infanzia replicata in funamboliche complessità
tra lo scroscio ineluttabile di una discrepanza eterea.

Oh attesa, viaggio dell’armonico e del duraturo,
quanto cara fu la concatenante successione degli eventi,
delle speranze, dei caleidoscopici disinganni,
e quanto amore sopraggiunse come diamantino dardo
in questo petto che alloro spiovve tra parole da disarmo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Per originare la domenica

Oh, follia degli eventi! Pochezza di ogni perduto istante. Sono giorni, questi, dove perfino il vetro suole respirare l’inzolfata aria…

Nell’irripetibile desiderio di esistere

Bisogna che tutto abbia un termine nell’irripetibile desiderio di esistere. Soltanto chi comprende l’esatta misura del soffio vitale viene attratto…

Per tanto amore incarnato

«Riverserò sopra la casa di Davide e sopra gli abitanti di Gerusalemme uno spirito di grazia e di consolazione: guarderanno…

Quanto più la gloria è matrigna degli uomini

Guarda: centinaia, migliaia di corpi che si muovono al suono del progresso, al tempo del corno. Alito smorto di un…