In fugaci, frettolose doglie

Internazionalizzazione presunta,
declassante in grazia e
in virtù dei tuoi accadimenti,
volgi a debole fame
il rigurgito di quale vittoria
quando, nel prematuro suo
rantolo, s’esaudisce miseria
che tutto sverna e decompone
in sì vuoto giorno –
a chi mai parrà vano, eppure? –
tanto l’impaurito tuo essente
va organizzando la dipendenza
in fugaci, frettolose doglie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Quei nostri baci che le potenze tutte acclamano

No. Non saranno intarsiate fandonie a logorare la bellezza che come acqua viva dal tuo petto sgorga. Non avrà diritto…

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce. In balìa della stagione, il vento suo, è la tempesta in fasce…

L’infanzia, talvolta

L’infanzia, talvolta, prevede un solo istante: essere.

Eccezione

Povero quell’uomo che possiede la violenza negli occhi e che la subisce. Io vi dico che ha già ricevuto la…