Il tremolio temporaneo dei sensi

Disparve, come agli occhi
la frenesia delle lacrime,
l’involuzione genetica dei lutti,
ovverosia quel coinvolgimento sobrio,
rituale, del piacere favorevole
nell’affronto simultaneo della pace.

Meccanica del dolore,
ove la psiche dei primordi
nella non ideazione giace contraffatta,
il tremolio temporaneo dei sensi
si scompensò nei conflitti dello spasmo
nutrendo dinamiche d’istinto e irrequietudine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Quei nostri baci che le potenze tutte acclamano

No. Non saranno intarsiate fandonie a logorare la bellezza che come acqua viva dal tuo petto sgorga. Non avrà diritto…

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce. In balìa della stagione, il vento suo, è la tempesta in fasce…

L’infanzia, talvolta

L’infanzia, talvolta, prevede un solo istante: essere.

Eccezione

Povero quell’uomo che possiede la violenza negli occhi e che la subisce. Io vi dico che ha già ricevuto la…