Il mondo inusuale, nobile

Alle porte dei suoi cordogli netti e lordi, abbarbicato alla sua sete sempre più avida, silente, altezzosa, il mondo inusuale, nobile, tra logge innominate, massonerie corrose, con tutte le staffette dei suoi blindati corazzieri detiene anche quest’oggi un impietoso primato: l’indenne supremazia sul decremento altrui del più elevato piacere ingenuo, filosofico e intellettuale
.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce. In balìa della stagione, il vento suo, è la tempesta in fasce…

L’infanzia, talvolta

L’infanzia, talvolta, prevede un solo istante: essere.

Eccezione

Povero quell’uomo che possiede la violenza negli occhi e che la subisce. Io vi dico che ha già ricevuto la…

Gioia. Quale e quanta quando avanzasti nell’anima mia

Gioia. Quale e quanta quando avanzasti nell’anima mia, finanche nella mia carne, senza crear scompenso invano. Già, io che da…