I fiori conoscono un abisso che non possiede profondità

I fiori conoscono un abisso che non possiede profondità. La loro percezione supera il chiasso dei sogni più disumani, dei grandi accordi planetari. La fragranza che pervade chiunque recita la bellezza sulla sovranità dei fiori resta immortalata nei vinti occhi della parola, fossero anche boicottati da un tempo di silenzi assunti a solennità dalle stesse sgovernate passioni.

Voi che invero siete amalgamati alla voracità del potere, alla presunzione e alla quotidiana paura, alla menzogna in forma di rituale, raggruppatevi ancora come incestuosi flussi di sanguisughe dal colore moderno, quel glitterato e nostrano movimento silenzioso, alla luce del giorno nascosto, meridiano, e immergetevi nella violenza dell’ennesimo sparo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Nella esecuzione sprovveduta del censurato non essere

Troppa modernità. L’allegria non è più un vezzo degli uomini sempre più sorpresi dalle pochezze dei loro simili, i se…

In concentrati di gradualità eteree

Dei sistemi agglomerati e massimi lo sfinimento. Non basterà più l’aggiunta di valori affini all’estremismo quantico nelle dinamiche dei moti…

In fraudolente pause d’insonnia

In fraudolente pause d’insonnia la vita e la morte proseguono i loro disanimati comizi entrambe imputate ad indagare su chi,…

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi, le ombre dal precipizio immoto completano il rigurgito del mattino. Stelle, astri senza…