Enoch

(L’antenato dell’anno e di ogni profezia)

Corrode l’attesa.
Inderogabile, tuttavia,
il collasso delle mura
nell’adultera città.
Come un tarlo
che brulica la notte
posso vedere l’uomo,
putrefatto nel suo ventre
per l’orgoglio di sua madre,
ed angeli, miriadi di schiere
che servono l’Onnipotente,
combattere senza sosta
con lo spaventoso canto da guerra
che accompagna il mio sonno.
Ecco, mi avvicinano,
sono forse ormai morto.
Non so se sono preda della paura
o se io sono la paura che v’è in me.
Grazia, ho trovato grazia
presso l’Altissimo,
m’ha ritenuto degno
davanti a tutti gli uomini
e innanzi ai suoi angeli
ed io testimonio la fedeltà,
ed io veglio sui tempi,
ed io sono colui del quale si dirà:
è stato rapito al cielo,
l’antenato dell’anno e di ogni profezia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Amore, per questo esistere di troppo, ignoto

(Prima che il cielo sverni) morrò nel giorno di nessuno in trasalenti baci abbandonato.

La rassegna spirituale che ho insufflato nel tuo respiro

Lo sguardo altero, certo di chissà quale sé, deponi. Indossa le armi della solitudine e del silenzio. Ho desiderio, un…

Non ho smesso le azzurrità dell’aurora

Non ho smesso le azzurrità dell’aurora. Adesso, tra le quotidiane volgarità omicide, inchiodato ad un sonno coatto, lascio che a…

Talvolta divengo il paese di sconosciuti esistere

Abito dimensioni delle quali sei il nervo che mi scuote, come i duplici pensieri che tendono alla nostra unione, alla…