E indifferenza del mondo sarebbe?

E indifferenza del mondo sarebbe
se a te dicessi dei miei sconosciuti piaceri,
delle mie spaventate armonie che inneggiano
al desiderio di un’anima estraniata da questo
momentaneo, effimero corpo,
dove l’acqua si mescola in una carne
macchiata dal rosso di quel sangue
che ci vedrà nel nostro meraviglioso aprile
uniti al medesimo stelo che farà di un solo lago
un prato vivo di astri innamorati della vita, di ninfee?
No. Non porrò altrimenti nuove infanzie
nel cielo destinato a passare
né lascerò tangibili tracce, dell’etereo latteo
che tutto smuove, su di questa terra
destinata dapprincipio a perire.
Sembrerà un’esistenza lacerata dall’attesa
e dai rigagnoli sparsi nel buio delle necessità,
l’inequivocabile sentenza che, matura,
sarà tradotta nell’indotto devastante per ogni offesa,
questa umanità che oltraggiata dal dubbio
non conoscerà più distruzioni di massa
e l’indifferenza dello sconosciuto si tramuterà in gioia,
la stessa che metterà sulle ginocchia dell’amore
ogni cielo da ninnare e il nuovo mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

In diramazioni coercitive di spiacevoli masse

Non una realtà inconsapevole né multiformi dimensioni distratte ebbero piacere nell’abitarvi, uomini. E se ad offuscarsi come smorte candele furono…

Tu spargi fiori abbrividendo mondi

E nei tuoi occhi ci scavalca così - premurosa, meglio forse non pensarla - l’idea dei nostri anni, che lungo…

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…