È in quel vino che tra le loro mani, parlando, si spezza

È nel gesto.
In quel pane che nel calice abbonda, fuoriesce.

E in quel procreato atto,
che in sé muta e tutto assolve,
si riconosce l’esule amore
estraniato dal mondo,
seme della medesima volontà
che ha nutrito l’essere
in quanto figlio e sorella,
fratello e madre.

Eppure guarderanno e non vedranno,
ascolteranno non udendo,
capiranno senza però comprendere
e, incerti nella più larga certezza,
prima di tramontare in terra
volgeranno lo sguardo su loro stessi,
dove il tarlo mai muore
e il fuoco non si estingue.

È nel gesto.
In quel vino che tra le loro mani, parlando, si spezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Nella esecuzione sprovveduta del censurato non essere

Troppa modernità. L’allegria non è più un vezzo degli uomini sempre più sorpresi dalle pochezze dei loro simili, i se…

In concentrati di gradualità eteree

Dei sistemi agglomerati e massimi lo sfinimento. Non basterà più l’aggiunta di valori affini all’estremismo quantico nelle dinamiche dei moti…

In fraudolente pause d’insonnia

In fraudolente pause d’insonnia la vita e la morte proseguono i loro disanimati comizi entrambe imputate ad indagare su chi,…

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi, le ombre dal precipizio immoto completano il rigurgito del mattino. Stelle, astri senza…