D’un bagliore diafano

Non al silenzio lascerò tanto sentire,
l’altro che nell’amata mia in partiture fonetiche avanza,
queste regole tramortite da munti piaceri
tra inquiline ombre su doppie masse di brughiera.

Con aghi di vetro e di perle sudate
lascerò ch’ella imbandisca il nostro tessuto pregiato,
che il buio non abbia il consueto suo piglio
sulla presaga parola vittima d’un bagliore diafano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Nella esecuzione sprovveduta del censurato non essere

Troppa modernità. L’allegria non è più un vezzo degli uomini sempre più sorpresi dalle pochezze dei loro simili, i se…

In concentrati di gradualità eteree

Dei sistemi agglomerati e massimi lo sfinimento. Non basterà più l’aggiunta di valori affini all’estremismo quantico nelle dinamiche dei moti…

In fraudolente pause d’insonnia

In fraudolente pause d’insonnia la vita e la morte proseguono i loro disanimati comizi entrambe imputate ad indagare su chi,…

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi, le ombre dal precipizio immoto completano il rigurgito del mattino. Stelle, astri senza…