Dinanzi al farnetichio delle città

Dovremmo tratteggiare, uniti, un paesaggio di un autunno a sera quando i petti, ancora desti per i profumi dei difficili sentimenti, si aggrappano alle faticose insegne delle ore e nel frastuono immenso di esse non rinunciano al vicendevole fabbricarsi posizioni di sogni e atmosfere idilliache, ebbri di chissà quale fantasia imperturbata e prede minacciate dai soli graffi delle diverse, avveniristiche promesse.
E invece restiamo inutili, dinanzi al farnetichio delle città, come se dovessimo non più accudire un figlio, malgrado noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

In diramazioni coercitive di spiacevoli masse

Non una realtà inconsapevole né multiformi dimensioni distratte ebbero piacere nell’abitarvi, uomini. E se ad offuscarsi come smorte candele furono…

Tu spargi fiori abbrividendo mondi

E nei tuoi occhi ci scavalca così - premurosa, meglio forse non pensarla - l’idea dei nostri anni, che lungo…

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…