D’altro non potremmo essere

Noi siamo quello che siamo
poiché d’altro non potremmo essere.
Considera oscura, adesso,
la valutazione che stai valutando
e liberandola dalla tua mente definitiva
lasciala vacillare sul precipizio del cuore.
Occorrerà del tempo affinché del tempo,
sebbene a tua incosciente insaputa,
tu non ti riconosca padre né padrone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Pietre bruciavano gli orizzonti dei miei occhi

(La conversione di San Paolo Apostolo) Pietre bruciavano gli orizzonti dei miei occhi. Io, che di fondamentale nutrivo il mio…

Nulla è più temibile del paese

Nulla è più temibile del paese che non doma le proprie città, introdotte nel sonno artificiale scomposto per la tormenta…

A sfavore dell’ipnagogico indotto

Del nulla, l’idea graffiata con ardore selvaggio dal pensiero, sottomesso all’asfissia gravitazionale conseguita da una qualche logica dell’intuito e del…

Declina, la notte, nella culla dei tuoi pensieri

Declina, la notte, nella culla dei tuoi pensieri, quando l’impensabile si colma per l’adulta nascita e, abbandonato al suo stesso…