Come il più delicato bacio del tuo sogno

Ti adoro e quanto più la morte s’avviva nei miei occhi.
Verso più bello da immortalare non troverò,
proprio perché forte quanto l’amore essa è quaggiù.
Distaccato, infine, da questo sfinito esilio,
la mia unica promessa sarà rivolta nelle tue labbra,
come tu hai sempre promesso tra le mie.
Eppure alcuna memoria di me avrà questo inverno
quando mi sveglierò, nudo come nuovo Adamo,
come il più delicato bacio del tuo sogno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Quei nostri baci che le potenze tutte acclamano

No. Non saranno intarsiate fandonie a logorare la bellezza che come acqua viva dal tuo petto sgorga. Non avrà diritto…

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce. In balìa della stagione, il vento suo, è la tempesta in fasce…

L’infanzia, talvolta

L’infanzia, talvolta, prevede un solo istante: essere.

Eccezione

Povero quell’uomo che possiede la violenza negli occhi e che la subisce. Io vi dico che ha già ricevuto la…