(Autunno) Verso l’ultimo distacco del presagio

Non evade che un fruscio,
lembo che del brivido scuote il fiore,
dal male rimarginato e vinto
prim’ancora che abbia nulla una fine,
che la percossa del pensiero
di tanto sbiadito vigore
inverta l’epifania della sua pace
in questo labirinto di carne
ove il baluardo saturato dal definitivo
con occhi di ferro, pietra e ghiaccio
cavalca nel salto della stagione,
abbacinato al suo perimetro sonoro,
verso l’ultimo distacco del presagio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Nella esecuzione sprovveduta del censurato non essere

Troppa modernità. L’allegria non è più un vezzo degli uomini sempre più sorpresi dalle pochezze dei loro simili, i se…

In concentrati di gradualità eteree

Dei sistemi agglomerati e massimi lo sfinimento. Non basterà più l’aggiunta di valori affini all’estremismo quantico nelle dinamiche dei moti…

In fraudolente pause d’insonnia

In fraudolente pause d’insonnia la vita e la morte proseguono i loro disanimati comizi entrambe imputate ad indagare su chi,…

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi, le ombre dal precipizio immoto completano il rigurgito del mattino. Stelle, astri senza…