Aurora caotica trascesa nel suo ultimo esistere

Ebbro di vita
va’ l’uomo,
che sa contemplare dapprima il fiore, la bestia,
nel fine della sua direzione,
tra i punti cardinali della sua incorporea messe.
Egli dista dal basso
come il fulmine che irrora la terra
di energia e sgomento.
È acqua, ormai,
che zampilla dalla fonte
della soave bellezza.
Così, mortificato nel cuore, nei sensi,
ammaestra lo stupore
con l’infinità del suo nulla,
col suo immenso abbandono a quel niente che,
di povertà sovrano,
lo colloca nell’innervato petalo della parola,
creatura partecipe di un coefficiente scomposto al futuro
dove il passaggio al divenire
consolida l’esaltazione di un’anima vuotata del sé
per l’elementare metamorfosi della volontà, della perfezione,
personificata nella semplicità di una comprensione radiosa
che reca sostanza alla parabola inconosciuta dello spirito,
aurora caotica trascesa nel suo ennesimo, ultimo esistere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Quei nostri baci che le potenze tutte acclamano

No. Non saranno intarsiate fandonie a logorare la bellezza che come acqua viva dal tuo petto sgorga. Non avrà diritto…

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce

Oltre non chiedere a chi l’elusione violenta conduce. In balìa della stagione, il vento suo, è la tempesta in fasce…

L’infanzia, talvolta

L’infanzia, talvolta, prevede un solo istante: essere.

Eccezione

Povero quell’uomo che possiede la violenza negli occhi e che la subisce. Io vi dico che ha già ricevuto la…