Alveo che pelle culla e asconde l’ombra

O mani,
anche voi tese sull’aria supina
come quest’anima in fiamme
gravida della vostra sete carnificata,
compulsiva e adiacente plasma,
lo stesso che rende breve la vita
e dal gesticolare vostro indipendente,
quel pieno movimento reso sterile
dall’aspirato fiotto trasudato in su,
in sud all’organo dalle corde zuppe
di un tal saporito silenzio non ben identificato,
amplesso biochimico pronunciato tra papille
nell’inumana commutazione dell’invisibile
generante particole d’acqua indivisibili,
alveo che pelle culla e asconde l’ombra, quale,
sostanza in cui ora mi desta, ora m’assale,
liquefo in terminale spirito m’inspiro ai cieli,
o meditabondo inessere che in me t’annulli,
pienezza in compimento della soglia mia salvifica,
o lingua!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Tra i banchetti ultimi della terra

Sfigurato dal contesto umano donde con esatta scienza posso addurre che da lì, ad abiurate nazioni che impongono popolo ai…

Ecco compiersi in divenire il verbo

Affinché vi sia noto. Poiché in quanto alla misura non è più il valore dell’azione né il bisogno che nutre…

Nell’urna spalancata dai cieli dei miei fenomeni

Vivo sepolto nel sorriso degli angeli e, a convissuto etere, la mia provvisorietà si eleva in te, regno che tutto…

Al silenzio coniugato

Fervo. Di quest’ora immota è l’infinità che brilla sul pentagramma dell’uomo al silenzio coniugato.