Alveo che pelle culla e asconde l’ombra

O mani,
anche voi tese sull’aria supina
come quest’anima in fiamme
gravida della vostra sete carnificata,
compulsiva e adiacente plasma,
lo stesso che rende breve la vita
e dal gesticolare vostro indipendente,
quel pieno movimento reso sterile
dall’aspirato fiotto trasudato in su,
in sud all’organo dalle corde zuppe
di un tal saporito silenzio non ben identificato,
amplesso biochimico pronunciato tra papille
nell’inumana commutazione dell’invisibile
generante particole d’acqua indivisibili,
alveo che pelle culla e asconde l’ombra, quale,
sostanza in cui ora mi desta, ora m’assale,
liquefo in terminale spirito m’inspiro ai cieli,
o meditabondo inessere che in me t’annulli,
pienezza in compimento della soglia mia salvifica,
o lingua!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Nella esecuzione sprovveduta del censurato non essere

Troppa modernità. L’allegria non è più un vezzo degli uomini sempre più sorpresi dalle pochezze dei loro simili, i se…

In concentrati di gradualità eteree

Dei sistemi agglomerati e massimi lo sfinimento. Non basterà più l’aggiunta di valori affini all’estremismo quantico nelle dinamiche dei moti…

In fraudolente pause d’insonnia

In fraudolente pause d’insonnia la vita e la morte proseguono i loro disanimati comizi entrambe imputate ad indagare su chi,…

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi

Particellari spazi e moti dagli eventi inauditi, le ombre dal precipizio immoto completano il rigurgito del mattino. Stelle, astri senza…