Alveo che pelle culla e asconde l’ombra

O mani,
anche voi tese sull’aria supina
come quest’anima in fiamme
gravida della vostra sete carnificata,
compulsiva e adiacente plasma,
lo stesso che rende breve la vita
e dal gesticolare vostro indipendente,
quel pieno movimento reso sterile
dall’aspirato fiotto trasudato in su,
in sud all’organo dalle corde zuppe
di un tal saporito silenzio non ben identificato,
amplesso biochimico pronunciato tra papille
nell’inumana commutazione dell’invisibile
generante particole d’acqua indivisibili,
alveo che pelle culla e asconde l’ombra, quale,
sostanza in cui ora mi desta, ora m’assale,
liquefo in terminale spirito m’inspiro ai cieli,
o meditabondo inessere che in me t’annulli,
pienezza in compimento della soglia mia salvifica,
o lingua!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Rivelata

Accadrà che nella compiaciuta estensione dei tempi, sul monte più elevato, si correggerà la deviazione bilaterale del cosmo e, di…

Ho una buona notizia da darvi

Detesta l’odio e fai il bene, non disprezzare il misero e soccorri l’orfano, ama la giustizia e fuggi la codardia,…

Come il sorriso di Colei che sfocia nell’Eterno

La tua mano incede nella mia, su di me si posa con il suo vigore, la sua forza, la sua…

Le nozze di pane

Orsù imbandite i tavoli, ornateli con i fiori più pregiati e chiamate i musici affinché nulla manchi alla mia festa.…