Sulla rivelazione e sulla illuminazione

La rivelazione non è che l’atto partecipe onnicomprensivo nel quale il colloquio divino si contrae, scomponendo il suo vitale principio, nell’intuizione cosiddetta e umana.

Senza la compassione la rivelazione propria e in se medesima non promuoverebbe mai il suo procedimento sovrannaturale così com’è: innervata dai parametri dell’espanso.

L’illuminazione differisce dalla rivelazione in quanto l’ampio spettro neuronale che circonda i campi tutti sensoriali arricchisce l’essere nella possessione univoca del sé storico e universale. Come dire, l’illuminazione è il fondamento; la rivelazione l’estrema vetta.

La rivelazione e l’illuminazione sono il trono della Sapienza.

Quando nell’uomo si compie una rivelazione non sempre i fattori che individuano il presagio sono integrati ai canali intellettivi sorpassati dalla condizione posta in essere nello spazio-tempo inconosciuto che il tutto smuove nell’apoteosi momentanea di uno stato natìo di pura veggenza.

L’illuminato trae vantaggio e dal dono, e dal dono che dona.

La rivelazione è la conoscenza che l’uomo viaggia.

Coniugare la rivelazione all’illuminazione è Pulsar Spirituale.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedenti articoli

Per originare la domenica

Oh, follia degli eventi! Pochezza di ogni perduto istante. Sono giorni, questi, dove perfino il vetro suole respirare l’inzolfata aria…

Nell’irripetibile desiderio di esistere

Bisogna che tutto abbia un termine nell’irripetibile desiderio di esistere. Soltanto chi comprende l’esatta misura del soffio vitale viene attratto…

Per tanto amore incarnato

«Riverserò sopra la casa di Davide e sopra gli abitanti di Gerusalemme uno spirito di grazia e di consolazione: guarderanno…

Quanto più la gloria è matrigna degli uomini

Guarda: centinaia, migliaia di corpi che si muovono al suono del progresso, al tempo del corno. Alito smorto di un…