Archetipica

Leccò quelle ferite una dopo l’altra, come alla sua cagna una madre. Poi, annidata tra logore mammelle, avvelenò col dolore il dolore e, smentica perfino di se stessa, nell’aria incestata dagli avvoltoi, con la covata srotolata sulla lingua non alla…