La carezza

È appena sorta. Un brivido che la pelle a stento lascia in sé dimorare sembra quasi avere le accortezze di una parola scucita, retta dal vocio che spazio si fa nell’anima ormai piena di attenuazioni mnemoniche, le medesime collisioni tentate…

Libero dai venti di qualsiasi mondo

Mi eclisso nella tormenta del silenzio per adempiere una volontà che compie la residenza della mia. È così che, ai confini dell’immenso e della sua natura, evolvo nella dimensione ove nessuno ha mai posato l’anima e libero dai venti di…

Fa del tuo anelito la mia sublime prigione

Come riservarti parole se aleggiano, esse, in moto costante, nell’ampia dimora dell’anima tua, e come dimostrarti amore se la tua felicità, dono della stessa essenza, è piena della sua personificata grazia? Lasciami almeno dirigere questa passione, frutto maturo di una…

L’unione che uniti ci rapisce

Tardano le ore, come il ricordo che non è ancora vissuto, forse perché noi ancora siamo e prima che ciò accada, un universo di parole che a vicenda si allattano l’una dopo l’altra e maturano lì dove mugghiano tra intimi…

Aritmia di un bacio che si leva nudo

E di quest’ansia di mordere le labbra trascinato dai confini della trascendenza già illuminati per il presente vivo, puro, di questo bisogno di te primo ed ultimo solidificato al margine della conoscenza quasi nascosto all’anima colma, nascosta. Dimmi, quale direzione…

Hai trascorso il tuo sorriso nei miei anni

Hai trascorso il tuo sorriso nei miei anni, mutevolezza spezzata dagli umori del vento. Con impercepibile silenzio m’hai colmato, adagio, di promesse strofinate di latte cullato da un mare colmo dei tuoi orizzonti e giustiziato nell’alveo di tutte le realtà…

Una nuova parola in disparte

Una parola in disparte, l’anima che si scioglie in sangue lievitando a fiotti e fiotti d’inoltrati attimi sospesi, atemporali, desiderosi ancora d’altro, quel movimento che della forma chi meglio può così lieve incarnare, delicatezza che sa come morire, far morire,…