Di un compiuto afflato in lei

Scese in così tale profondità, con l’anima gocciante l’effluvio di anticipate primavere, da non percepire quale fosse il battito appartato del suo cuore, primo e definitivo, tant’era immerso in quella quieta vastità la quale, d’assoluto, provvide a compensarlo già nel…

L’acme del cervello

Cominciare. In cosa mi chiedo, a mente grondante, se non v’è alcun rimbrotto, nessun cestello, brocca, mantello, atto a limitare lo scempio collaterale di detto ascesso. No. Io permango, finanche a sfavorire questo vento che dentro mi smuove già la…

Integrità

Fuggire la grammatica del silenzio, nella contrazione verso l’unità dei nervi, permea l’uomo, fedele alla sua lotta, di solipsistiche logiche inafferrabili trapassate dal bioritmo sensoriale, invaso dalla concordia di se stesso, gravidanti l’algebra della lontananza, integrità che culla e incombe,…